fbpx

Confronta gli annunci

Bonus prima casa: quali novità con il Decreto liquidità?

Bonus prima casa: quali novità con il Decreto liquidità?

Novità nel campo delle agevolazioni fiscali in ambito residenziale: il Decreto liquidità ufficializza lo slittamento delle scadenze per tutti coloro che hanno beneficiato del bonus per l’acquisto della prima casa.

Gli adempimenti necessari

I contribuenti che hanno deciso di fare ricorso a questo specifico bonus fiscale sono tenuti a rispettare alcuni adempimenti in tempi precisi, come ad esempio quello di trasferire la propria residenza nel Comune in cui è ubicato l’immobile entro 18 mesi dall’acquisto. Qualora questa e le altre indicazioni previste non venissero rispettate il beneficiario perderebbe le agevolazioni ottenute, sarebbe sanzionato e dovrebbe restituire gli interessi.

Cosa cambia con il Decreto liquidità

Il Decreto liquidità, come accennato, ha però previsto la sospensione degli adempimenti a partire dal 23 febbraio e fino al prossimo 31 dicembre 2020, per venire incontro alle esigenze dei contribuenti in questa fase di emergenza sanitaria ed economica.

Slitta dunque il termine di 18 mesi per l’obbligo di trasferire la propria residenza nel Comune dove si è conclusa la transazione immobiliare: chi ha acquistato una casa prima del 23 febbraio, potrà mettere in stand-by il computo dei 18 mesi entro cui effettuare il trasferimento e riprenderlo dal 1° gennaio 2021.

La stessa sospensione è valida anche in altri casi. Innanzitutto per coloro che hanno venduto l’abitazione comprata con le agevolazioni “prima casa” prima del decorso di 5 anni dall’acquisto. Per non perdere i benefici già goduti, il contribuente dovrebbe acquistare un altro immobile da adibire ad abitazione principale entro un anno. Ma, anche in questo caso, il Governo ha previsto una sospensione delle scadenze nel periodo compreso tra il 23 febbraio e il 31 dicembre.

Discorso analogo per tutti coloro che desiderino concludere una seconda transazione immobiliare con lo stesso bonus, con l’impegno a trasferirsi nel nuovo immobile entro un anno dall’acquisto.

L’ultima sospensione riguarda invece tutti quei contribuenti che hanno fruito del credito d’imposta legato al bonus prima casa e abbiano intenzione di acquistare una nuova abitazione: anche in questo caso la decorrenza di un anno entro cui effettuare l’acquisto è ora “congelata” e ripartirà dal 1° gennaio 2021.

di Francesca Lauritano

Post correlati

PER GLI ITALIANI IL MATTONE RESTA L’APPRODO SICURO PER I PROPRI INVESTIMENTI

Nonostante il lock down e l’emergenza Covid, gli italiani continuano a guardare al mattone come...

Continua a leggere

Andamento del mercato immobiliare 2020 nelle grandi città, le statistiche Omi del I trim

Qual è stato l'andamento del mercato immobiliare nel I trimestre del 2020 nelle otto principali...

Continua a leggere

Contratto di permuta immobiliare, perché può favorire la ripresa del settore

Come funziona il mercato delle permute residenziali? Quali possono essere i vantaggi? E perché...

Continua a leggere
WhatsApp chat